Il re dell’inverno è un cappotto di pelo.

Animalista e trendy, ecco tra le offerte di stile Principe di Firenze, sua maestà il cappotto in pelliccia sintetica.

E non lasciamoci ingannare dalla parola sintetica, perché basta toccarlo per apprezzarne la morbidezza senza pari e un tatto e una leggerezza che non hanno niente da invidiare alle pellicce più nobili.

Le quali, sensibilità animaliste ed ecologiste a parte, hanno fatto il loro tempo anche per le evoluzioni che questi straordinari tessuti che “imitano la natura” spesso superandola in bellezza e efficienza hanno saputo regalarci nel tempo.

pelliccia sintetica

Lo dimostrano tutte le grandi maison di moda, che hanno abbandonato da tempo gli animali, in favore di questi piacevolissimi e “cruel free” capi di abbigliamento.

Lo dimostra, infine, la versatilità degli styling che hanno saputo mantenere intatto il fascino retró e glamour, proprio grazie alla regalità e alla morbidezza di eusti tessuti di ultimissima generazione.

Inoltre la pelliccia ecologica è pratica e può essere declinata in infinite versioni, sia tra i colori naturali che imitano la natura, sia nelle ironie e citazioni dei colori moda.

Delle pellicce tradizionali, queste nuove proposte moda, hanno tutto il calore del pelo di certi mitici animali selvatici, ma sopratutto la traspirazione e l’impermeabilità di un capo che, oltre alla nobiltà, raggiunge gli standard di un vero e proprio capo “tecnico”.