Natale sulla neve? Non vestitevi come un cinepanettone!

L’eleganza Principe di Firenze aiuta tutto l’anno, ma prima delle feste e in vista di una vacanza sulla neve è essenziale per evitare di andarsene in giro vestiti come le gag tragicomiche dei cinepanettoni.

Tolti tutti gli abbigliamenti tecnici, che vi servono la prima parte della giornata e mai oltre le sedici del pomeriggio (fatta salva qualche ciaspolata in notturna che fatta una volta si deciderà di non ripetere mai più nella vita) ne rimane altrettanta in cui stare comodi ed essere eleganti è fondamentale.

Da più o meno metà pomeriggio dunque, smessi i panni di campioni e campionesse di sci, sarà opportuno ritirarsi nelle proprie stanze (che siano d’albergo o meno) e concedersi tutto il relax che si può.

Si può decidere di schiacciare quel pisolino (mai più di venticinque minuti per non disturbare il circadiano ritmo e farsi venire il cerchio alla testa) sotto un plaid che si consiglia personale o con un bel bagno caldo respirando, tra i vapori, qualche fragranza (Provate le Villoresi di Principe) e poi rivestirsi.

natale sulla neve
natale sulla neve
natale sulla neve

Qui i cotoni, le sete, i cashmere e i mohair di Principe possono essere il must del comfort, ça va sans dire.

Dopo un paio d’ore di queste morbide coccole per riposarsi dalle imprese della giornata ci si prepara per uscire di nuovo. Ma che si fa a quest’ora in montagna? Normalmente, se non si è shopping addicted alla ricerca di più o meno improbabili tovagliati tirolesi, ci si concede un buon drink.

Dunque si va per bar. L’abbigliamento è bene che sia comodo, ma si eviteranno gli eccessi del troppo tecnico: sì allora ai maglioni, anche a doppio intreccio (Principe di Firenze ne ha per ogni scelta, con proprio marchio) e pantaloni comodi, sia per lui sia per lei.

Da non escludere i velluti, un grande classico dell’eleganza più blasonata, abbinati a calzature che possono affrontare neve e ghiaccio mantenendo un aplomb urbano (Le Tricker‘s Burlington for Principe o le Sebago sono l’ideale) stessa cosa vale, naturalmente per i soprabiti (vedi Barbour) che evitano l’effetto di chi s’è appena attrezzato per passare il confine a piedi. Su tutto, facciano pure da contorno in questa movida del pre-cena, le fantastiche sciarpe delle multicollezioni Principe di Firenze.

E per la sera? Che si sia in albergo o fuori il nero è sempre un grande classico per le signore e non si disdegna nemmeno per il cavaliere che l’accompagna. Scorrendo le mille proposte di capi per la sera dei reparti sartoria Principe ci sarà solo l’imbarazzo della scelta, accompagnati dall’intelligenza delle distanze da coprire per sedersi a tavola e delle temperature che ci accompagneranno nel percorso.

La magia del Natale. La certezza di Principe.

natale sulla neve
natale sulla neve
natale sulla neve